10 Jul La gestione integrata di un portafoglio di certificati di investimento (R. Frascà)

pdf-icon La gestione integrata di un portafoglio di certificati di investimento (R. Frascà) (<--click to download)

 

Molto spesso i certificati vengono giudicati singolarmente ed acquistati con il risultato che il portafoglio risulta spesso una sommatoria destrutturata di strategie.

In questo capitolo invece valuteremo come invece si potrebbero combinare diversi certificati  come risultato di una strategia coordinata.

Nel caso che analizzeremo l'obiettivo che ci poniamo e' di organizzare una strategia di investimento sul mercato azionario europeo.

Valuteremo 3 certificati con strategie assolutamente diverse ovvero long, short e mercato laterale.

Di solito e' facile che solo uno dei tre certificati sembri descrivere molto da vicino le nostre aspettative sul mercato.  Ma giudicare quale e' il certificato migliore e' una operazione possibile solo ex post.

Poniamo di essere ad inizio 2012 e ricerchiamo 3 certificati con diverse strategie ma accomunati da indice sottostante (Eurostoxx) e Durata (4 anni)

Vediamo nel dettaglio i 3 prodotti individuati

Per chi ha una visione rialzista - PROTECT  OUTPERFORMANCE CON CAP

Immagine1

 

 

 

 

 

 

 

 

Per chi pensa ad un mercato laterale - STRATEGIA BONUS

Immagine2

 

 

 

 

 

 

 

 

Per chi e' "negativo" o vuole semplicemente proteggersi: STRATEGIA REVERSE

Immagine3

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

ESEMPIO PRATICO DI PORTAFOGLIO COMBINATO (gennaio 2013)

La strategia Outperformance funziona bene se il mercato cresce.
Se il mercato rimane fermo non si ottengono risultati e quindi emerge valore aggiungo da strategia bonus

Se il mercato corregge pesantemente le protezioni possono annullarsi e ritrovarsi legati linearmente al mercato azionario

Vediamo un esempio di strategia combinata

Immagine4

 

 

 

Immagine5

 

 

 

 

 

 

 

Nel grafico e nella tabella viene descritto:
- Mercato: la performance dell'indice Eurostoxx50

- Inv. Diretto: il guadagno o la perdita conseguito su uno strumento che replica l'indice in assenza di costi

- Strategia" il Pay out a scadenza del portafoglio costruito.

Si ipotizza che le protezioni siano rimaste integre all'interno degli intervalli predefiniti. Quindi con una barriera a 60 si ipotizza a 70 che le barriera siano salve ed il profilo Pay Out non compromesso, mentre a 50 la barriera e' inevitabilmente rotta.

Immagine6

 

 

 

VALUTAZIONE DEL PORTAFOGLIO COMBINATO (Dicembre 2014)
Questa la Valorizzazione Corrente Portafoglio ai prezzi del 22 dicembre 2014

Immagine7

 

 

 

Il profilo PayOut si e' molto modificato come vediamo sul grafico sottostante ed il portafoglio sembra meglio impostato a affrontare dei mercati in fase di ribasso che a beneficiare di eventuali apprezzamenti dello stesso.

 

Immagine8

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Immagine9

 

 

 

Nell'analizzare la situazione attuale e' necessario approfondire lo stato specifico delle due strategie

 

Immagine10

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Immagine11

 

 

 

 

 

 

 

 

 

A logica si dovrebbe ipotizzare un rebalancing del portafoglio ma questo incontrerebbe dei limiti dato che Bonus e Reverse non ha più senso vengano sovrappesati.
Per la strategia Bonus dobbiamo a logica ricercare un maggior rendimento potenziale,  quindi necessariamente o allungare la durata o alzando il livello di protezione.
Sul tema reverse dovremmo cercare un prodotto con una barriera up piu' alta allungando sicuramente la durata